News

10/11/2017 00:00

Comunicato Stampa

L’Area Marina Protetta "Isole Egadi" presente al convegno inaugurale del Life SEPOSSO per il reimpianto in mare della Posidonia oceanica

L’Area Marina Protetta “Isole Egadi” sarà presente alla conferenza di avvio del progetto LIFE SEPOSSO "Supporting Environmental Governance For The POSidonia Oceanica Sustainable Transplanting Operations", che si terrà mercoledì 15 novembre a partire dalle ore 9:30 all’Auditorium del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, a Roma.
Nel corso della giornata di lavori organizzata dall’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, il direttore dell’AMP, Stefano Donati interverrà con una relazione su la “Gestione sostenibile e trapianto di Posidonia oceanica: l’esperienza dell’AMP “Isole Egadi”. A seguire, prenderà parte alla Tavola rotonda su ‘Aree Protette e Biodiversità’.
Il progetto LIFE SEPOSSO, il cui capofila è l’ISPRA e che vede coinvolti come sito di sperimentazione anche i fondali dell’Area Marina Protetta "Isole Egadi", ha l’obiettivo di aumentare l’efficienza della pianificazione e del controllo dei reimpianti di Posidonia oceanica, realizzati come opera di compensazione del danno indotto da opere e infrastrutture costiere soggette a Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.), attraverso sistemi informativi elettronici, linee guida, manuali tecnico-scientifici e corsi di formazione.
Ii trapianto di Posidonia oceanica è inserito, per esempio, nelle misure di compensazione previste per la messa in sicurezza del porto di Favignana.
L’Area Marina Protetta “Isole Egadi” si è confermata nel tempo un laboratorio naturale di inestimabile valore, prescelto da numerosi Enti di ricerca per effettuare sperimentazioni nel campo dell’ecologia marina e della gestione eco-sostenibile della fascia costiera, ed avviando in questi anni molteplici progetti sulla Posidonia, volti alla sua diretta tutela - con i dissuasori antistrascico e i campi ormeggio per la nautica – e alla sua valorizzazione - con il riutilizzo della Posidonia spiaggiata a fini turistici e l’impiego in campo cosmetico.
Gli organizzatori della conferenza del 15 novembre auspicano che la collaborazione con i diversi stakeholder coinvolti, sia tecnici che amministratori, possa garantire la validità delle buone pratiche sviluppate fungendo da concreto supporto alla Governance di tali attività e, quindi, alla legislazione ambientale Europea fondata sull’approccio eco-sistemico per un uso sostenibile delle risorse.